MENU
VENETO OVEST

Spese sanitarie tracciabili dal 2020

Obbligatoria la tracciabilità dei pagamenti per ottenere le detrazioni fiscali

February 12, 2020
Pietro BiancoResponsabile Area Societario e Tributario

Cambiano da quest’anno le modalità di pagamento delle prestazioni e i criteri per poter beneficiare delle detrazioni fiscali 2020 per le spese mediche


Da gennaio, infatti, per poter ottenere le detrazioni IRPEF del 19% previste per le prestazioni sanitarie (indicate nel TUIR - Testo unico delle imposte sui redditi), è necessario effettuare i pagamenti esclusivamente con modalità tracciabili: bonifico bancario o postale, bancomat, carte di debito, di credito e prepagate, assegni bancari e circolari. 


Chi può beneficiare delle detrazioni


La legge di bilancio 2020 introduce alcune novità anche per i parametri in base ai quali poter avere accesso o meno alle detrazioni fiscali.


A partire dal 1° gennaio, le detrazioni spettano per:


  • l’intero importo della spesa sostenuta, se il reddito complessivo non supera i 120 mila euro;
  • la parte corrispondente al rapporto tra l’importo di 240 mila euro, diminuito del reddito complessivo e 120 mila euro, qualora il reddito complessivo superi i 120 mila euro.


Detta in parole semplici, fino all’anno 2019 le detrazioni erano fisse, indipendentemente dal reddito. Dal 2020 cambiano le regole e le detrazioni si riducono, fino all'imponibile di 240 mila euro annui. Per redditi superiori a 240 mila euro le detrazioni per spese mediche non spettano.



Spese non detraibili


Non rientrano tra le voci detraibili, le spese mediche per patologie che danno diritto all'esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria. 

Si tratta di quelle spese esenti dal ticket, ovvero interamente a carico del Servizio Sanitario Nazionale (esenzioni che spettano a coloro che hanno patologie croniche).


Cosa resta escluso dalla tracciabilità


La normativa non prevede l’obbligo di tracciabilità per alcune tipologie di spesa in ambito medico, come l’acquisto di medicinali e di dispositivi medici.


Sono escluse da tracciabilità anche le detrazioni per prestazioni sanitarie rese dalle strutture pubbliche o da strutture private accreditate al SSN. In pratica, per prestazioni erogate da un ospedale pubblico (una sede ULSS) non è necessario il pagamento elettronico/tracciabile. 


Al contrario, per spese dal dentista, dal fisioterapista, ecc. l’obbligo della tracciabilità sussiste. 


Più complesso è invece il riferimento alle strutture private accreditate al SSN, es. cliniche, dove si paga solo il ticket, come se fosse un ospedale pubblico.


Spese obbligatoriamente tracciabili 


Da gennaio 2020 dovranno essere pagate con modalità tracciabili anche:


  • le spese veterinarie
  • le spese funebri
  • le spese per l’istruzione universitaria e di frequenza scolastica
  • i premi per assicurazioni sulla vita, contro gli infortuni, sul rischio morte e invalidità permanente 
  • le erogazioni liberali a favore di enti che operano nel settore culturale e artistico, di enti che operano nel settore dello spettacolo, di società e associazioni sportive dilettantistiche e di associazioni di promozione sociale;
  • le spese per la pratica sportiva dilettantistica dei ragazzi di età compresa tra 5 e 18 anni
  • le spese per i canoni di locazione degli studenti universitari “fuori sede”
  • le spese per gli addetti all’assistenza (cd. “badanti”) delle persone non autosufficienti
  • le spese per l’abbonamento ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale 
  • le spese per asili nido 


Vuoi maggiori informazioni?


Ti serve aiuto per sapere quale detrazioni ti spettano? Contatta i nostri professionisti e prenota una consulenza per avere tutte le informazioni necessarie.


ph: freepik.com
Pietro BiancoResponsabile Area Societario e Tributario

Condividilo nei social!