MENU
VENETO OVEST
Lavoro e welfare

Covid, Sani in Veneto aumenta indennizzi e massimali

Il fondo a tutela di artigiani e dipendenti estende la copertura in caso di isolamento o ricovero

October 28, 2020
Emanuela Carli Responsabile Area Lavoro e Capitale Umano

Sani in Veneto alza le barriere a difesa di titolari, dipendenti artigiani o loro familiari in isolamento o ricoverati per Covid. Nonostante il fenomeno delle pandemie non rientri generalmente tra le categorie rimborsabili, il fondo promosso da CNA e dalle altre sigle datoriali regionali, ha scelto di confermarsi a fianco dei propri iscritti comprendendo nella tutela anche tutte le prestazioni legate agli sviluppi più critici dell’emergenza sanitaria in atto.

  

Le prestazioni straordinarie sono previste quindi per tutti gli iscritti delle tre linee in cui è articolato il fondo, e quindi: Sani in Veneto (per i dipendenti artigiani), Sani In Azienda (per i titolari artigiani) e Sani in Famiglia (per i familiari di dipendenti o titolari).

Due le tipologie di aiuti previsti

  1. Indennizzi per contagiati Coronavirus;
  2. Aumento massimali per prestazioni connesse al Coronavirus.



Indennizzi per contagiati Coronavirus


Nei casi di isolamento fiduciario o ricovero ospedaliero, il Fondo prevede delle quote di indennizzo: una diaria giornaliera di € 38,25 per ogni giorno di isolamento e/o ricovero fino ad un massimo di € 437,50/annui.


Queste richieste di rimborso dovranno essere presentate tramite area riservata AON, alla nuova voce INDENNIZZI CORONAVIRUS.


Per la richiesta di rimborso, si dovrà presentare:

  • Lettera di dimissione ospedaliera (in cui sia specificato il motivo del ricovero legato a Covid19)
  • Certificato di isolamento fiduciario firmato da medico di base / medico USSL / operatore sanitario


Nella documentazione deve essere chiaro il numero dei giorni trascorsi in isolamento o ricovero.



Aumento massimali per prestazioni connesse al Coronavirus


Per tutte le visite specialistiche, gli esami di laboratorio e gli altri esami diagnostici legati al Coronavirus svolti a pagamento, sono confermati i rimborsi attualmente esistenti che avranno massimali a parte.

Per le visite specialistiche il massimale specifico sarà di 1.000,00 euro, affiancato da quello già previsto dal Fondo per questa categoria di prestazioni di 1.000,00 euro.


Per gli esami di laboratorio e diagnostici il massimale specifico sarà di 8.750,00 euro, affiancato da quello già previsto dal Fondo per questa categoria di prestazioni 8.750,00 euro.


Queste richieste di rimborso dovranno essere presentate tramite area riservata PREVIMEDICAL.


Per la richiesta di rimborso, si dovrà presentare:

  • Fattura o ticket pagato (dove sia chiaro il tipo di esame svolto)
  • Lettera di dimissione ospedaliera (in cui sia specificato il motivo del ricovero legato a Covid19)
  • Certificato di isolamento fiduciario firmato da medico di base / medico USSL / operatore sanitario
Emanuela Carli Responsabile Area Lavoro e Capitale Umano

Condividilo nei social!