societario

Decreto Rilancio, le novità fiscali per le imprese

Il testo è diventato ufficialmente legge. Tante le novità attese. Grande attenzione per la filiera moda.

Pietro BiancoResponsabile Area Societario e Tributario
decreto rilancio cna fiscale

Il Decreto Rilancio, presentato dal Governo ancora lo scorso maggio, ha completato il suo iter diventando ufficialmente legge. L’impianto di base rimane quello annunciato, ma non mancano importanti aggiustamenti dal punto di vista fiscale. 


Tra questi, si distinguono in particolare:


  • la compensazione sui costi per pagamenti elettronici
  • l’ampliamento dei termini per i beni acquistati in super ammortamento
  • crediti d’imposta per investimenti anti Covid
  • il rinvio dei termini per dotarsi di revisori o organi di controllo finanziario nelle SRL o nelle cooperative
  • la sospensione dei termini per attività di contenzioso
  • un sostegno mirato per il settore moda
  • un supporto alle startup
  • la definizione degli aspetti operativi per il superbonus 110%
  • un credito d’imposta in caso di disdetta di fiere o eventi commerciali esteri


Vediamoli nel dettaglio punto su punto.



Compensazioni per pagamenti elettronici


Arriva un fondo di 10 milioni di euro per il 2021, a sostegno della parziale compensazione dei costi sostenuti da esercenti e commercianti sulle commissioni delle transazioni elettroniche, da oggi e fino al 31 dicembre 2020.



Ampliamento termini super ammortamento


È stato prorogato al 31 dicembre 2020 (era al 30 giugno) il termine per la consegna di beni strumentali nuovi acquistati in super ammortamento.



Crediti d’imposta per interventi Anti Covid


Interventi sugli spazi e apparechiature


Viene riconosciuto un credito d’imposta pari al 60% (massimo 80 mila euro complessivi) degli investimenti sostenuti dalle imprese per far rispettare le misure anticontagio. Valgono sia gli interventi edili, sia gli acquisti di arredi o apparecchiature tecnologiche.


Sanificazioni


Viene riconosciuto un credito d’imposta pari al 60% (massimo 60 mila euro complessivi) sulle spese sostenute entro il 31 dicembre 2020 di:

  • sanificazione degli ambienti di lavoro e degli strumenti utilizzati nell’ambito dell’attività lavorativa;
  • acquisto di dispositivi di protezione individuale, detergenti mani e disinfettanti, barriere e pannelli protettivi, ecc…

 

Credito d’imposta canoni di locazione


Viene riconosciuto un credito d'imposta del 60% del canone mensile di locazione, di leasing o di concessione di immobili adibiti ad uso non abitativo, destinati allo svolgimento dell’attività industriale, commerciale, artigianale, agricola, di interesse turistico o all'esercizio abituale e professionale dell’attività di lavoro autonomo.



Iva ridotta sui dpi


Fino al 31 dicembre 2020 l’Iva sui prodotti di protezione individuale come mascherine e altri presidi medici sarà esente fino al 31 dicembre 2020, mentre avrà un’aliquota ridotta al 5% da gennaio 2021.



SRL e cooperative: slitta l’obbligo dei revisori


Per le SRL e per le cooperative costituite dopo il 16 marzo 2019 l’obbligo di dotarsi di un revisore o di un organo di controllo contabile slitta ad aprile 2022, cioè in coincidenza della scadenza per l’approvazione dei bilanci d’esercizio 2021.



Ricordiamo che la nomina dell'organo di controllo o del revisore è obbligatoria al superamento per due esercizi consecutivi di almeno uno dei seguenti limiti:

  • totale dell'attivo dello stato patrimoniale: 4 milioni di euro;
  • ricavi delle vendite e delle prestazioni: 4 milioni di euro;
  • dipendenti occupati in media durante l'esercizio: 20 unità.



Contenzioso


Slittano al 16 settembre 2020 i termini per saldare la prima (o unica) rata di eventuali contenziosi i cui termini avevano precedente scadenza tra marzo e maggio 2020.



Sostegno alla filiera moda

 

Arrivano contributi a fondo perduto fino 5 milioni di euro per l'anno 2020, a favore dell'industria del tessile, della moda e degli accessori, con particolare attenzione alle start-up che investono nel design e nella creazione. Per le stesse imprese, oltre a quelle di calzatura e pelletteria, è previsto inoltre un credito d'imposta per il 30% del valore delle rimanenze di magazzino eccedenti rispetto alla media del triennio 2017-2019.

 

 

Supporto alle startup

 

Previste disposizioni per il rafforzamento del sostegno pubblico alle startup innovative. Viene potenziato il loro sistema di sviluppo, attraverso un incentivo all’accesso ai servizi di incubatori e digital hub. Viene aumentato il fondo di sostegno al Venture Capital, ed è stabilito che il 5% delle risorse del Ministero dello Sviluppo vadano nella direzione di iniziative per la promozione e valorizzazione del sistema delle startup innovative.

 

 

Superbonus 110%

 

Le novità maggiori riguardano le soglie massime di spesa. Per condomini da 2 a 8 unità: 40 mila euro in caso di isolamento termico dell’edificio e 20 mila euro per sostituzione dell'impianto con caldaia o pompa di calore. Per condomìni da 9 unità in su: 30 mila euro a unità in caso di isolamento termico edificio; 15 mila euro a unità in caso di sostituzione impianto con caldaia o pompa di calore. Per edifici unifamiliari o unità con autonomia funzionale: isolamento termico dell'edificio: 50mila euro a unità; sostituzione impianto con caldaia o pompa di calore: 15mila euro. 

 

 

Fiera saltata? C’è il rimborso

 

Destinate agevolazioni per 30 milioni di euro alle imprese andate incontro a disdette di fiere o eventi commerciali all’estero a causa del Covid.

Pietro Bianco
Pietro BiancoResponsabile Area Societario e Tributario

Condividilo nei social!